La Banca di Credito Cooperativo di San Marzano di San Giuseppe è sempre attenta alle esigenze dei propri clienti per garantirne la completa soddisfazione.

E’ priorità della Banca migliorare costantemente la qualità della relazione con la clientela, ascoltandone i bisogni ed individuando soluzioni appropriate, al fine di offrire il prodotto o servizio adeguato alle necessità e preferenze di ogni cliente.

I nostri consulenti sono a disposizione della clientela per rispondere alle richieste di informazioni e assistenza o per condividere la soluzione più adatta ad eventuali controversie che dovessero insorgere nei rapporti con la Banca.

Qualora non risulti possibile per qualsiasi motivo, trovare risposte soddisfacenti o superare le divergenze sorte, il cliente può presentare un reclamo formale alla Banca con una lettera circoscritta o compilando il Modulo Reclamo da inviare al seguente indirizzo a mezzo raccomandata A/R:

Banca di Credito Cooperativo San Marzano di San Giuseppe
Ufficio Reclami
Via Vittorio Emanuele sn – 74020 San Marzano di San Giuseppe (TA)


In alternativa il cliente può presentare il reclamo con le seguenti ulteriori modalità:

  • per posta elettronica al seguente indirizzo: reclami@bccsanmarzano.it
  • per posta certificata al seguente indirizzo: legale@pec.bccsanmarzano.it
  • via fax al seguente numero 099.9575501
  • per consegna diretta: il personale delle Filiali provvede al ritiro del reclamo ed alla successiva trasmissione all’Ufficio Reclami della Banca.

La Banca risponderà al cliente entro 30 giorni dalla ricezione, se il reclamo è relativo a prodotti e servizi bancari e finanziari, entro 45 giorni dalla ricezione se il reclamo è relativo all’attività di intermediazione assicurativa,ad eccezione dei reclami concernenti gli aspetti di trasparenza e correttezza nel collocamento delle  polizze e operazioni di cui ai rami III e V del D.Lgs. n. 209/2005, sottoscritte dopo il 1° luglio 2007, a cui la banca risponde entro il termine di 60 giorni, entro 90 giorni dalla ricezione se il reclamo è relativo a servizi di investimento.

In caso di reclamo relativo all’attività di intermediazione assicurativa, se il cliente non è soddisfatto dell’esito del reclamo o non ha ricevuto risposta entro il termine sopra indicato, può rivolgersi all’IVASS, (ad eccezione dei reclami concernenti gli aspetti di trasparenza e correttezza nel collocamento delle polizze e operazioni di cui ai rami III e V del D.Lgs. n. 209/2005, sottoscritte dopo il 1° luglio 2007, in quanto di competenza della Consob), Servizio Vigilanza Intermediari, Via del Quirinale n.21 -00187 Roma, come indicato nell’ Informativa sulla procedura reclami in materia di intermediazione assicurativa.

Resta ferma la possibilità per il cliente non soddisfatto dell’esito di un reclamo o per il quale non abbia ricevuto risposta, di rivolgersi all’Autorità giudiziaria e ai sistemi alternativi di risoluzione delle controversie previsti a livello normativo o convenzionale, in particolare:

  • all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF), per i reclami attinenti gli obblighi di comportamento a cui gli intermediari sono tenuti nei confronti dei contraenti polizze assicurative;
  • all’Arbitro per le Controversie Finanziarie presso la Consob (ACF), per la violazione degli obblighi di diligenza, informazione, correttezza e trasparenza dei rapporti aventi ad oggetto il collocamento di polizze e operazioni relative ai rami III e V del D.Lgs. n. 209/2005, sottoscritte dopo il 1° luglio 2007.

Per sapere come rivolgersi all’ABF o all’ACF si può consultare il sito www.arbitrobancariofinanziario.it; www.acf.consob.it; rivolgersi presso le Filiali della Banca d’Italia, o in alternativa consultare la Banca.

Oltre alla procedura innanzi all’ABF o all’ACF, il Cliente, indipendentemente dalla presentazione di un reclamo, può singolarmente o in forma congiunta con la Banca – attivare una procedura di mediazione finalizzata al tentativo di conciliazione. Detto tentativo è esperito dall’Organismo di conciliazione bancaria costituito dal Conciliatore Bancario Finanziario – Associazione per la soluzione delle controversie bancarie, finanziarie e societarie – ADR (www.conciliatorebancario.it).

Resta in ogni caso impregiudicato il diritto del cliente di presentare in qualunque momento esposti alla Banca d’Italia e di rivolgersi all’autorità giudiziaria competente.

Qualora il Cliente intenda, per una controversia relativa a prodotti e servizi bancari e finanziari o a servizi di investimento o all’attività di intermediazione assicurativa, rivolgersi all’autorità giudiziaria, egli deve preventivamente, pena l’improcedibilità della relativa domanda, esperire la procedura di mediazione innanzi all’organismo Conciliatore Bancario Finanziario, ovvero attivare il procedimento innanzi all’ABF o all’ACF, secondo la procedura di cui sopra. Le parti possono concordare, anche successivamente alla conclusione del contratto, di rivolgersi ad un organismo di mediazione diverso dal Conciliatore Bancario Finanziario, purché iscritto nell’apposito registro ministeriale.

Di seguito sono messi a disposizione del Cliente: